“Il Predatore E l’Artigiano. C’era una volta a Roma”

CINEMA. MERCOLEDI 15 MAGGIO. ROMA. ALLE 17:30 A SPIN TIME LAB. Via Sante Crocce in Gerusalemme, 63. ROMA.

 

Tre domande all'autore 3-5-2019. Silvia Paoluzzi & 
Livia Delaporte- radio.nuovaresistenza.org
 
Traduction-FR-entretien-film-Rome
Perché sei interessato a Roma in particolare ? E cosa è 
l'aspetto che ti ha più colpito ?

Per rispondere correttamente, devo comunque 
parlare anche di due altri filmi che ho realizzato 
negli Stati Uniti in 2014 
(« Homes and some million dollars ») e a Barcelona in 
2017 (« Giorni dopo festa ».

Al di là di Roma e a Roma anche, ho visto che ormai a 
New York, a Barcelona, a Berlino, a Londra, a Parigi, 
e in altre metropoli, ma anche in una piccola città 
americana, Burlington (in Vermont, stato del senatore 
democrate Bernie Sanders), i mercati immobiliare e 
finanziario sono uno.

Possiamo allora parlare di « mercato totale ».

Il mercato ha preso tutto il posto nella società. I 
fondi pensione, i fondi immobiliari internazionali, 
regnano ovunque. Senza nessuno contropotere politico. 
Con la forza del fuoco, senza limite. Il fondo 
immobiliare US Venguard (secondo fondo mondiale dopo 
Blackstone) ha per esempio un fatturato 2,5 volte il 
PIL della Francia !

Anche in una piccola città, Burlington negli Stati 
Uniti (dove Bernie Sanders è stato sindaco 20 anni 
durante), da 4 a 5 proprietari condividono tutto il 
mercato immobiliare locale. Appena una casa è da 
vendere, uno dei 5 (il più veloce) compra l'immobile 
cash, senza dovere prendere in prestito. Dopo lo 
immette di nuovo sul mercato al prezzo più alto 
possibile. È così che i prezzi salgono ! La presenza 
di un sindaco democratico, dall'inizio degli anni 80, 
anche se ha creato il locatore sociale cooperativo 
Champlain HT (1500 alloggi sociali), non fa la 
situazione migliore. C'è anche la trasformazione in 
parco pubblico di un bene comune come il lago 
Champlain, in cui gli ingressi stavano liberi in 
passato, e sono adesso riservati per i ricchi 
proprietari di velieri, di New York, Montreal, o 
Boston. Ovunque il politico non riesce a regolare 
gli effetti del mercato totale.



A Barcelona, l'elezione di Ada Calau in maggio 2015 
viene dall'impegno politico forte (« si se puede !») 
per contrastare gli sfratti immobiliari di massa 
dalle banche (fallite) e dalla SAREB (la « bad bank »
composta da tutti i beni tossichi spagnoli) e per 
trasformare il parco privato sfitto in parco sociale 
pubblico. Comunque l'autorità pubblica non aspetta 
molto tempo prima di rinunciare alla lotta contro le 
forze finanziarie. Gli sgomberi immobiliari sono 
continuato a Barcelona, come nell'intera Spagna 
(più di 500 000 famiglie sfrattate da 2013), e la 
sindaca si trova forzata nel proporre solamente il 
lancio di un programma di prefabbricati come unica 
politica comunale abitativa !

A Roma, senza sorpresa, tutta la prima parte del 
film è dedicato alle azioni del « predatore », quello 
che, come lo spiegano perfettamente Massimo Pasquini e 
Guido Lanciano (dell'UI), mostra diverse facce : 
fondiimmobiliari, grandi imprenditori, ma anche diversi 
proprietari che partecipano a un gioco speculativo 
locale (e globale), che fa della casa un prodotto 
semplice. È così che non c'è più nessuno diritto alla 
casa, nessuno diritto all'abitare, nelle nostre 
metropoli. Ogni giorno così facendo sempre più 
personesi perdono lungo il percorso.

Ma a Roma ci sono le cooperative di autorecupero. 
Sonod'oro. Sono preziose e portano molti insegnamenti, 
perché riescono dove il politico fallisce nel 
contrastare il mercato totale. La città di Roma e la 
municipalità 5 Stelle hanno qui una risorsa 
incomparabile, impareggiata, che offre risposte 
intelligenti, flessibili, resilienti, a domande che 
sembrano senza soluzione, come la richiesta di 
alloggio per famiglie povere, per studenti, per 
precari e certo per migranti. È quello che mostra la 
seconda parte del film : « l'artigiano ». Ma la cosa 
più strana è che la municipalità l'ignora ! Questa ha 
un tesoro nelle sue mani ma no lo sa... dobbiamo 
mostrarglielo !


quale differenze tra le politiche urbane italiane e 
francese ?

Lo studio poco il caso francese. I cercatori 
francesi si interessano spesso della sola Francia. 
Fanno ricerca franco-francese, dimenticando il resto. 
Quello che mi interessa è il confronto. Come fanno 
glialtri per risolvere i problemi che noi non 
risolviamo ? 
E in particolare, mi chiedo come si evolvono i 
rapporti di dominazione, secondo la situazione che 
studio.

A Roma e con le cooperative di autorecupero, ma anche 
con le 6000 persone che occupano gli alloggi pubblici 
sfitti, possiamo vedere la trasformazione degli 
effetti di dominazione a occhio nudo. 
6000 persone che provano a dare un altro senso al 
concetto di « città », come bene comune, non sono 
niente! Il politico è forzato nel tenerne conto. 
I rapporti di dominazione si evolvono nel lungo periodo. 
Ascoltate nel film quello che dice Walter sulla democrazia, 
questo andrebbe bene in un corso di scienza politica 
di un'università francese ! Buon film !

Yann Maury, 1er maggio 2019.

Qui l'anteprima del film

Qui estratto dal film “Il Predatore & l’Artigiano” (Via santa croce di Gerusalemme)

Roma, l'elemosiniere del Papa toglie i sigilli al 
contatore della luce nel palazzo occupato (La Republica. 13 Mayo
2019.

Il film, versione Italiana, è stato messo in fila  (VOD – video alla domanda) sul sito della cooperativa audiovisiva LES MUTINS DE PANGÉE.

Chairecoop. ISSN  N° 2494-8349

N° ISAN du film. 0000-0005-5BF4-0000-U-0000-0000-L

Photos Yann Maury Novembre 2017 & Livia Delaporte Mai 2019


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.